931

Associare un Numero Telefonico Distrettuale ad una ADSL: VoiceFree

Segnalo un nuovo servizio VoIP tutto italiano che mi è sembrato interessante: si tratta di VoiceFree, un servizio ideato da CSInfo spa, società attiva in rete da tanti anni. 

Tariffe VoIPfree

E’ stato infatti il mio primo fornitori di domini .IT nella fine degli anni ’90 ed andai a  visitare il loro datacenter a pisa quando cercavo un buon servizio di housing per un server dedicato.

L’idea di VoiceFree è abbastanza semplice: permette di associare un numero telefonico distrettuale ad una linea ADSL già esistente.

  • Si utilizza una linea ADSL già funzionante con qualsiasi provider
  • Ci si attiva sopra VoiceFree
  • Si collega un normale telefono tramite un adattatore ATA (che viene fornito su richiesta) oppure un telefono VoIP
  • Le telefonate tra utenti VoiceFree sono gratuite

E’ possibile collegare apparati telefonici anche al PC ma ovviamente si potrà telefonare e ricevere solo se il PC è acceso, per cui converrà collegare a monte gli apparecchi telefonici per ricreare appieno la funzionalità delle linee tradizionali.

Tariffe VoIP

Oltre alla semplicità  con cui può essere attivato, il servizio promette chiamate in Italia e all’estero estremamente economiche: 2 centesimi di euro senza scatto alla risposta  e senza alcun canone.

Ecco una tabella comparativa con Skype, anche se Skype è noto per non essere ormai così conveniente rispetto ad altri competitor VoIP;

Comparativa

Le altre tariffe le trovi qui

Il credito si può ricaricare con tagli di 10, 20 ,30 e 50 euro. Altra cosa da sottolineare; non è necessario avere una linea fissa. Alla fine della fase di registrazione infatti ti verrà assegnato automaticamente un numero telefonico distrettuale (06 per Roma, 02 per Milano ecc) da associare alla linea ADSL.

Funzionalità servizio Voice Free

Riporto alcune caratteristiche dal CS ufficiale;

  • Chiamate VoiceFree su VoiceFree completamente gratuite.
  • Chiamate verso reti fisse e mobili di tutto il mondo a tariffe molto convenienti.
  • Allocazione dei numeri geografici per ricevere chiamate in entrata.
  • Supporto T38 per la ricezione dei fax.
  • Presentazione del proprio numero chiamante o oscuramento del medesimo.
  • Deviazione di chiamata su altro numero o su segreteria telefonica (non risponde, occupato ecc.).
  • Linee multiple per lo stesso account.
  • Segreteria telefonica (ascoltabile anche da remoto).
  • Annuncio vocale personalizzabile per la segretria telefonica.
  • Inoltro messaggi vocali ricevuti sulla propria email.
  • Rubrica telefonica con configurazione di numerazione per l’accesso rapido.
  • Blocco selettivo delle chiamate.
  • WebPhone utilizzabile direttamente da Internet senza dovere installare nulla nel computer.
  • Controllo del proprio credito in tempo reale.
  • Controllo delle chiamate effettuate/ricevute/perse.
  • Interfaccia utente via web multifunzione.
  • Utilizzo del normale apparecchio telefonico già in possesso del cliente o di un telefono IP.

Se riuscissero a mantenere tutte queste promesse sarebbe veramente un ottimo servizio. In bocca al lupo :)

930

VoIP Mobile: Nuova Piano Vodafone Per Telefonare via Internet

Questo è il primo post di Andrea Zorzetto, un professionista VoIP specializzato su Asterisk che inizia a collaborare con Ikaro nella produzione di contenuti sulla telefonia via internet. Per ulteriori info su Andrea ed i suoi contatti ti rimando alla fine del post.


Sempre più  spesso ormai si sente parlare di VoIP anche per dispositivi mobili e sembra che alcuni operatori si stiano adeguando rilasciando nuove offerte in merito.

Il nuovo iOS4 per iPhone, come il precedente, sembra includere delle interessanti funzionalità che sfruttano queste tecnologie come ad esempio, aldilà dei numerosi client VoIP già esistenti, anche i nuovi strumenti di video-comunicazione di cui sembra si avvarrà anche Skype.

In questo clima assistiamo alla presentazione del nuovo piano Vodafone per "Internet e VoIP" dedicato al mondo mobile. 

VoIP Mobile

Infatti se prima potevamo usufruire di offerte internet per il nostro dispositivo, nella maggior parte di questi piani ne era esplicitamente vietato (o bloccato) l’uso per traffico VoIP.  

Questa nuova tariffa non varia solo nel tipo di offerta ma anche nel costo, facendo un piccolo confronto ecco cosa emerge: 

  offerta costo settimana traffico web traffico VoIP
Tim Tim X Smartphone € 2 n/a no
Vodafone Mobile Internet € 3 500 MB no
Vodafone Mobile Internet Plus € 8 2 GB si

 

Chi ha sempre voluto risparmiare sul costo dei servizi, senza invece rinunciare al traffico VoIP dal suo dispositivo aveva però già da tempo attuato piccoli accorgimenti per ovviare a queste restrizioni.

Abilitare il VoIP su 3G tramite VPN

Gli operatori possono bloccare in effetti il traffico VoIP dai propri APN interrompendo le attività di rete sulle porte specifiche per questi servizi (ad esempio 5060 porta SIP e porte RTP).

Era interessante cosa si poteva fare però avendo a disposizione un piccolo PBX remoto con Asterisk, a cui sono tranquillamente collegati le nostre numerazioni VoIP:

  • abilitando una VPN sul nostro server, ad esempio sulla porta 80 che non viene bloccata, tutto il traffico interno era automaticamente autorizzato e quindi anche quello VoIP;
  • configurando, nel caso di utenti ancora più esperti, Asterisk come provider IAX2, in ascolto su porte utilizzate solitamente per altro genere di traffico web, venivano consentite le connessioni tramite client IAX2 dal nostro dispositivo e quindi il traffico VoIP; 

Questi due metodi testati sembrano funzionare correttamente, attenzione solo a non superare le soglie predisposte dal piano!

Informazioni sull’autore

Andrea Zorzetto è un appassionato del mondo dell’informatica e delle telecomunicazioni, crede nelle potenzialità della rete come strumento di comunicazione e di diffusione di cultura, informazioni ed esperienze di vita.

Sostiene e orienta il suo lavoro all’uso delle nuove tecnologie VoIP. Certificato DCAP per Asterisk, lavora da anni come consulente nel campo dell’ ICT in progetti di telecomunicazioni e sicurezza informatica.

Offre servizi professionali in materia di VoIP tramite il sito Free2Say

521

Guadagnare Online: 12 Programmi di Affiliazione Imperdibili Per Monetizzare Il Tuo Blog

Quali sono i programmi di affiliazione che pagano di più? E la migliore alternativa ad AdSense? Quali affiliazioni possono essere utilizzate nello stesso tempo? Questi sono quelli che ho provato e testato personalmente negli ultimi  anni. Ecco una mini-guida.

Guadagnare online

Liquida Network

Liquida Network

Fresco fresco, un circuito di affiliazione che compra il tuo traffico pagando ogni 1000 impressions (eCPM) a prescindere dai click o dalle vendite

  • Tipo ads: banner 300 x 250 ed header light
  • Selezione ads: piazzamento diretto degli advertisers
  • Traffico minimo necessario: 30.000 pageviews per il programma Start, 80.000 per quello Premium
  • Lingua: italiano
  • Guadagno: eCPM (sino a 0.6 € per il pacchetto Start, 0.9 € per il Premium)
  • Vantaggi: Permette di calcolare in anticipo il guadagno del proprio blog con la formula eCPM x Pageviews
  • Svantaggi: Un pochino lenti nei pagamenti (pagano a tre mesi)
  • Occhio a: Il contratto prevede un preavviso di tre mesi per le rescissioni
  • Pagamento: Bonifico
  • Iscrizione: http://network.liquida.it/offerte/

Criteo Direct

Criteo

Altro nuovo circuito che compra traffico retribuendolo con un valore eCPM (ogni mille impressions). In questo caso sarai tu a scegliere l’eCPM con il quale vorrai vendere il tuoi spazi.

  • Tipo ads: banner di 7 formati differenti
  • Selezione ads: piazzamento diretto degli advertisers
  • Traffico minimo necessario: no
  • Lingua: italiano
  • Guadagno: eCPM impostato da te
  • Vantaggi: Permette di calcolare in anticipo il guadagno del proprio blog con la formula eCPM x Pageviews
  • Svantaggi:
  • Occhio a: Sebbene sia specificato che l’eCPM può essere impostato dal publisher non ti sarà consentito di impostarlo maggiore di € 1,5
  • Pagamento: Bonifico
  • Iscrizione: http://publishers.criteo.com/

Google Adsense

AdSense

Senza dubbio il più popolare e quello che offre le maggiori possibilità di guadagno. Si caratterizza per la enorme varietà di annunci e per i meccanismi di contestualizzazione terribilmente efficaci. Rispetto agli altri si caratterizza per la sua dinamicità che premia i siti più performanti con un aumento della remunerazione per click e riduce le remunerazioni per i siti meno autorevoli o con contenuti di scarsa qualità. Il meccanismo si chiama Smart Pricing ed aggiorna i valori dei click per i publisher settimanalmente.

  • Tipo ads: annunci testuali, links sponsorizzati
  • Selezione ads: contestuale
  • Traffico minimo necessario: no
  • Lingua: quasi tutte
  • Guadagno: Pay Per Click
  • Vantaggi: Affidabilità e possibilità di remunerazione
  • Svantaggi: Possibilità di essere bannati dal programma per eventi fuori dal proprio controllo
  • Occhio a: Smart Pricing. Con AdSense si può guadagnare moltissimo oppure quasi nulla con lo stesso numero di click.
  • Pagamento: Assegno, Bonifico
  • Iscrizione: http://www.google.com/adsense/

Tradedoubler.

Trade Doubler

E’ un programma di affiliazione di tipo Pay Per Performance che paga su vendite o azioni predeterminate. Ha un elenco di publishers enorme con un gran numero di banners, immagini e annunci testuali da inserire manualmente nelle proprie pagine. E’ necessario richiedere l’autorizzazione ad ogni advertiser che vogliamo inserire sul nostro sito, che non di rado viene rifiutata.

  • Tipo ads:  Immagini,  Filmati e testo
  • Selezione ads: manuale
  • Traffico minimo necessario: no
  • Lingua: le più comuni
  • Guadagno: Dipende dall’advertiser (vendita, lead o altro. Pochi i pay-per-click)
  • Vantaggi: Varietà enorme di ads in italiano, strumenti di gestione potentissimi
  • Svantaggi: Tempi di pagamento lenti
  • Occhio a: Se l’advertiser non paga Tradedoubler,  il publisher (tu) non viene retribuito. E capita…
  • Pagamento: bonifico

 

 

Zanox.

Zan

Altra popolare affiliazione Pay-Per-Sale. E’ il principale concorrente di Tradedoubler

Sprintrade

Sprintrade

Altro network che paga sulle conversioni e sulle vendite. Dei due precedent è forse il più fiacco a causa della qualità degli advertiser e delle basse remunerazioni.

  • Tipo ads:  Testuali
  • Selezione ads: manuale
  • Traffico minimo necessario: no
  • Lingua: Italiano e inglese
  • Guadagno: sulla vendita
  • Vantaggi: 30 euro per ogni nuovo affiliati che mandi, oppure una percentuale su tutte le sue vendite
  • Svantaggi: Remunerazioni un pò bassine e pochi advertiser
  • Occhio a: i 30 euro per gli affiliati che procurerai saranno incassabili solo quando faranno almeno una vendita
  • Pagamento: bonifico, paypal

 

 

 

 

Commission Junction

Commission Junction

Ottimo programma internazionale che paga su vendita o azione.

  • Tipo ads:  Testuali e grafici
  • Selezione ads: manuale
  • Traffico minimo necessario: no
  • Lingua: Inglese, tedesco, spagnolo,francese, svedese
  • Guadagno: sulla vendita
  • Vantaggi: Varietà e qualità dei publishers
  • Svantaggi: Pochissimi i programmi italiani anche se molti,seppur in inglese, non hanno bisogno di presentazioni
  • Pagamento: assegno

eDintorni

eDintorni

Affiliazione di tipo InLine tutta italiana che offre anche i classici ads contestuali. Sottolinea contestualmente alcune parole della pagina e paga il click successivo sull’annuncio visualizzato in modalità

  • Tipo ads:  InLine e testuali
  • Selezione ads: contestuale
  • Traffico minimo necessario: no
  • Lingua: Italiano e inglese ed alcune altre
  • Guadagno: sul click
  • Vantaggi: implementazione facile ed ottimo livelli di assistenza
  • Svantaggi: i ppc è decisamente basso se paragonato alle possibilità di AdSense
  • Occhio a: pagamenti abbastanza lunghi,dopo il ricevimento fattura
  • Pagamento: bonifico
    • Iscriviti ad eDintorni

AdBrite

AdBrite

Tra i siti in lingua inglese è uno dei più noti e più utilizzati. Mostra blocchi di annunci come AdSense ma non in maniera contestuale, selezionandoli in base alla categoria assegnata al sito del publisher. E’ possibile scegliere se visualizzare gli Ads del network o solamente quelli che gli advertisers pubblicano sul sito del publisher. Da poco ha introdotto pubblicità InLine (sottolinea parole nel testo della pagina).

  • Tipo ads: annunci testuali, InLine (parole sottolineate) e Intertitial (schermate pubblicitarie intermedie a schermo pieno)
  • Selezione ads: in base a categorie preimpostate
  • Traffico minimo necessario: no
  • Lingua: quasi tutte
  • Guadagno: Pay Per Click e per visualizzazione
  • Vantaggi: Gestisce contemporaneamente la compravendita di ads testuali
  • Svantaggi: La varietà di annunci per i siti italiani è decisamente scarsa.
  • Occhio a: Ha da poco introdotto pubblicità contestuale nei video
  • Pagamento: Assegno
  • Iscrizione: https://www.adbrite.com/mb/commerce/register_form.php

Miva

Miva

Programma di affiliazione per annunci testuali e inline. Ha una buona varietà di advertisers ed anche il livello di remunerazione non è male. Può essere usato nei siti delle principali lingue ma per ogni lingua esiste un sito dedicato con diverse regole di iscrizione, accettazione ecc.

  • Tipo ads: annunci testuali e InLine
  • Selezione ads: contestuale
  • Traffico minimo necessario: no
  • Lingua: le più comuni (a parte il Portoghese, strano…)
  • Guadagno: Pay Per Click
  • Vantaggi: Ottimo livello di personalizzazione dei blocchi di annunci e buona remunerazione
  • Svantaggi: Un pò lenti nel valutare i siti, non riporta il numero di click nelle stats
  • Occhio a: l’assistenza sembra latitare
  • Pagamento: Bonifico
  • Iscrizione: http://www.miva.com (scegli la lingua nella home)

Kontera

Kontera

E’ uno dei più popolari programmi di affiliazione di tipo InLine contestuale. Purtroppo accetta solamente siti in lingua inglese. Lo sto testando da poco e sembra avere una buona performace, anche se non paragonabile con AdSense. E’ in ogni caso  un buon competitor. Permette di selezionare il testo su cui contestualizzare e dove visualizzare gli sponsor. Può essere utilizzato con AdSense come gli altri programmi InLine (ma chiedi sempre conferma al supporto di AdSense).

  • Tipo ads:  InLine
  • Selezione ads: contestuale
  • Traffico minimo necessario: no
  • Lingua: Inglese (anche se vengono mostrate altre lingue nella form di inserimento)
  • Guadagno: Pay Per Click
  • Vantaggi: E’ possibile scegliere il colore delle kewords InLine
  • Svantaggi: Niente italiano
  • Occhio a: una volta iscritti risulta impossibile modificare i propri dati
  • Pagamento: Assegno
  • Iscrizione: http://www.kontera.com/mainform.aspx?type=1

Amazon

Permette di inserire link d iaffiliazione di tutti i prodotti invendita nel catalogo. La remunerazione è per vendita (Pay-Per-Sale). Anche Amazon utilizza un meccanismo di contestualizzazione semi-automatico (tramite chiave). Molti i formati disponibili e buono il livello di personalizzazione.

  • Tipo ads:  Immagine, testo e inline
  • Selezione ads: manuale, tramite chiave e contestuale per gli inline
  • Traffico minimo necessario: no
  • Lingua: Può funzionare su ogni sito, gli annunci verranno mostrati in inglese
  • Guadagno: sulla vendita
  • Vantaggi: Varietà, qualità  ed abbondanza dei prodotti
  • Svantaggi: Non converte molto bene sui siti in italiano.
  • Occhio a: il meccanismo di contestualizzazione è un’arma a doppio taglio. Con la chiave “mouse” infatti uscirebbe un libro di veterinaria o di hardware?
  • Pagamento: assegno
    • Iscriviti ad Amazon Affiliate Center

Di programmi ne esistono molti altri, questi sono solo quelli che ho avuto modo di testare personalmente. In genere esistono accorgimenti precisi per ottimizzare le conversioni delle affiliazioni ppa

Utilizzare più affiliazioni nello stesso tempo

Google permette di utilizzare AdSense congiuntamente con altri programmi di affiliazione di tipo InLine, a patto che questi non siano simili con i propri annunci responsabilizzando il publisher su questo punto. Questa apertura potrebbe essere una naturale conseguenza dell’aumento qualitativo dei suoi competitor (Kontera è molto utilizzato nei siti inglesi).

Qualora tu voglia utilizzare questa opportunità faresti in ogni caso bene a seguire la regola n.1 del publisher:

  1. Chiedi conferma al support tecnico di AdSense
  2. Stampa l’eventuale risposta positiva
  3. Conservala in cassaforte per eventuali e malaugurati usi futuriù

Data di prima pubblicazione: 30 Maggio 2007
Revisioni: 16 Giugno 2009, 10 Giugno 2010

928

SEO: Perchè un Indirizzo URL Corto è Meglio Per I Motori Di Ricerca

Tra gli step di ottimizzazione SEO di un blog o di un sito c’è anche la struttura dei permalink, ovvero l’indirizzo permanente delle pagine. Il quesito è: per fare in modo che ai motori di ricerca piacciano i nostri permalink li dobbiamo fare corti oppure allungarli un pò con chiavi rilevanti?

Il buon senso suggerirebbe di creare degli indirizzi con un percorso  che contenga chiavi rilevanti al fine di sfruttare i meccanismi semantici dei motori e aumentare l’autorevolezza dei nostri contenuti, in questo modo:

http:www.sito.com/tecnologia-mobile/cellulari/recensione-nokia.html
piuttosto che
http:www.sito.com/recensione-nokia.html

ma sempre avendo cura di non eccedere le 4/5 parole. Matt Cutts stesso infatti afferma che dopo 5 parole il motore ignora eventuali keyword presenti nelle URI (ricorda anche che il peso delle chiavi cala man mano che ci si sposta sulla destra).

Il ragionamento fila, ma alla prova dei fatti non funziona. Ho fatto qualche approfondimento ed ho scoperto anche io con una certa sorpresa perchè è meglio usare indirizzi corti anche se con meno chiavi utili ai fini della rilevanza e del ranking.

Perchè è meglio averlo…corto

Una analisi di eyetraking fatta da Marketingsherpa nel lontano 2008 ha verificato che gli utenti tendono a snobbare URL lunghi all’interno delle SERP a favore di quelli corti. Questi ultimi vengono cliccati 2,5 volte in più di quelli lunghi anche se sono più in basso.

Dai una occhiata alla heatmap (mappa termica) che evidenzia col rosso le zone della pagina cliccate maggiormente dagli utent: sembra effettivamente che le URL lunghe vengano addirittura saltate.

Eyetracking

Immagine presa da un abstract pubblico di Benchmark Guide 2008, scaricabile in formato PDF

Non possiamo che arrivare alla seguente conclusione; sebbene sia vero che più chiavi rilevanti all’interno della URL ottimizzino maggiormente le pagine per contro determinano un minore numero di click all’interno delle SERP da parte degli utenti, e a lungo andare più click ti spingono più in alto.

Interessante, che ne pensi?