885

POP Workshop – Pianificare, Sviluppare e Monetizzare Un Sito Vincente: Iscriviti Con 100 Euro Di Sconto Qui

Questa volta si va dritti al punto: il workshop infatti si intitola Nicchia, SEO e Produzione di Contenuti.

POP Workshop

Una foto dell’ultimo workshop tenutosi a Roma

 

Saranno full immersion (tutto il giorno) ed il costo è di 347,00 euro:

ma i primi 5 che mi lasciano un commento potranno iscriversi a 247,00 euro.

Di seguito un sunto sugli argomenti trattati;

  1. Individuare la nicchia
    Il fatto che tu sia appassionato di qualcosa o voglia parlare di un determinato argomento non è un motivo sufficiente affinchè il tuo progetto abbia successo, per due semplici motivi;

    1. potrebbero esserci pochissime persone interessate a quello che hai da dire
    2. già ci sono moltissimi esperti che trattano l’argomento. E tu rischieresti di passare inosservato.

    Identificare la nicchia serve a questo: capire se ci sono margini di ascolto.

  2. Analizzare il mercato
    Assodato che ci siano visitatori, lo sforzo per mantenere in piedi il progetto potrà essere ripagato da entrate adeguate? Questo fattore è ben prevedibile.
  3. Pianificare una strategia
    Se identifichi i tuoi utenti e le potenzialità di conversione dovrai capire in che modo organizzare i tuoi contenuti al fine di poter essere presentati al tipo di pubblico al quale ti rivolgi, così come agli advertisers che potrebbero essere interessati ad investire nel tuo progetto
  4. Sviluppare contenuti
    E qui si va sul tecnico; come scrivere i post, come stendere i titoli ecc.

Ma che te metti a fa pubblicità?

Forse ti stai chiedendo perchè sto promuovendo questo workshop, per cui ritengo giusto spendere due parole in merito (premettendo che non guadagno nulla). In questi ultimi tempi ho letto molti post che giudicavano in maniera più o meno corretta l’uso di ospiti speciali in meeting e workshop senza riconoscer loro un gettone di partecipazione.

Ogni opinione ovviamente è rispettabile, e la mia è questa: lavoro in rete da quasi quindici anni e, specie negli ultimi tempi, la rete pullula di super-esperti e sedicenti guru di internet e social-cosi. Il 99% di loro però non condivide nulla ma ci inonda di aforismi e pensieri inzeppati di tecnicismi e neologismi ogni secondo della giornata.

Questo serve solo a loro per costruirsi una autorevolezza online. Non sono molte le occasioni di apprendere qualcosa che puoi trasformare in azioni pratiche aventi una conseguenze dirette sul tuo operato (positive o negative, dipende anche ta te).

In realtà è questo che serve veramente; capire dove prendere gli ingredienti per poi poter insozzarsi le mani impastando qualcosa che potrebbe diventare una delizioso panettone, ad esempio. E questi workshop servono a questo; a metterti in mano gli strumenti e  darti alcune indicazioni sul loro uso al fine di creare qualcosa di importante o far pasticci (dipende sempre da te).

Questo è quanto. Poi chi ci guadagna direttamente, indirettamente e se tanto o poco proprio non mi interessa.

Come occupare uno degli ultimi posti pagando 100 euro in meno

Per info, location esatte ed orari sulle date di Roma del 13 Febbraio e Milano  del 6 Marzo vai su POP Workshop con Robin Good: Nicchia, SEO e Produzione di Contenuti ma li puoi iscriverti solo a 347,00 euro. Se  vuoi occupare uno degli ultimi posti lasciami un commento e ti mando in link per iscriverti con 100 euro di sconto.

Ci sarò anche io, se vuoi ci vediamo la :)

914

Net Neutrality: Le Speranze Per Il VoIP su 3G Libero Nelle Mani Di Neelie Kroes

Notizia interessante riportata da Jean-Jacques Sahel  nel blog ufficiale di Skype: Neelie Kroes è in corsa come nuovo commissario europeo per la Digital Agenda.

Interessante perchè Neelie Kroes già nel 2004 è stata Commissario per la libera concorrenza ed ha preso particolarmente a cuore il problema del blocco del VoIP su rete mobile.

Kroes

Se non sai di cosa si tratta leggi:

Il problema è il seguente: moltissimi operatori telefonici non consentono telefonate VoIP su rete 3G ponendo di fatto un limite all’uso della rete da parte dei loro clienti.

Certo, chiamando in VoIP si spende meno e quindi nelle casse degli operatori entra meno, ma sono gli operatori a fornire il servizio di rete ponendosi quindi in una posizione dominante (limitano l’utilizzo della rete per garantirsi un maggior profitto).

Neelie vede come un aspetto chiave del suo mandato in qualità di Commissario dell’ Agenda digitale "preservare luna rete aperta e neutrale"

"Ci sono un paio di ragioni per essere molto vigili riguardo le nuove minacce alla neutralità della rete che possono arrivare da molte parti, e il blocco dei servizi VoIP da parte degli operatori di telefonia mobile in molti  paesi europei ne sono solo un esempio … "

e ancora;

"Il problema è se gli operatori di telefonia mobile possano o meno applicare filtri e limitazioni agli utenti nell’uso della rete; secondo me NO se questo viene fatto per motivi commerciali.. se viene fatto per motivi commerciali non si rispetta la net neutrality"

Parecchi stati europei ancora non rispettano alcune direttive sulla net neutrality, per cui sebbene questo segnale sia  incoraggiante è bene non aspettarsi stravolgimenti a breve termine. Anche l’amministrazione Obama ha fatto della Net Neutrality un cavallo di battaglia, ma dopo aver predicato bene ha razzolato molto male ingaggiando nel Dipartimento di Giustizia americano due mastini della RIAA, l’associazione che si occupa di tutelare gli interessi delle holding discografiche.

In ogni caso speriamo che Sig.ra Kroes faccia quello che ci aspettiamo tutti, far capire a qualcuno che la rete non è proprietà di nessuno: è di tutti.

Fonte: The new EU Commissioner ♥ Net Neutrality

Photo credit World Economic Forum · CC Attribution-Share Alike 2.0

913

Truphone Abbandona Il VoIP su Rete 3G Per L’Ostracismo Degli Operatori

Karl Good, il responsabile dello sviluppo Truphone, ha comunicato tramite un post del blog ufficiale la decisione da parte dell’azionda di cessare lo sviluppo delle funzionalità che permettono di telefonare via internet con un cellulare usando la rete degli operatori (3G, UMTS, HSDPA ecc), per concentrarsi solo ed esclusivamente sulle funzionalità VoIP over Wifi (tramite connessioni senza fili).

Voip su 3g

I motivi addotti sono sostanzialmente due;

  1. La scarsa qualità delle telefonate VoIP su 3G viste le performance ancora scadenti delle reti mobili
  2. L’ostracismo di molti operatori nei confronti delle chiamate VoIP

Riporto e traduco;

Ci sono due ragioni che ci hanno spinto a eliminare le chiamate VoIP su 3G dalle nostre applicazioni.

La prima è che sebbene un piccolo numero di operatori, quali la AT&T in USA, consenta le chamate VoIP su 3G tale funzionalità non è stata approvata da tutti gli altri nè da alcuni costruttori di smartphone (vedi l’iPhone ad esempio) ….

La seconda riguarda la qualità. Anche se è tecnicamente possibile offrire il VoIP su 3G su dispositivi come Android, la scarsa performance della connettività 3G a confronto delle connessioni wifi  riduce la qualità della maggioranza delle telefonate.

A chi da fastidio il VoIP su rete mobile

Riguardo il secondo motivo, se un americano si lamenta delle performance delle reti mobili qui in italia non so proprio che dovremmo fare (leggi Perchè La Tua Internet Key Vodafone Può Andare Come Una Lumaca  e fatti una idea)

Penso proprio che il primo punto abbia inciso maggiormente: gli operatori mobili non hanno mai digerito il fatto che i loro clienti potessero effettuare telefonate VoIP usando la rete 3g, aggirando le tariffe da strozzinaggio alle quali ci sottopongono.

 

iPhone, innovazione si. Ma non troppo…

iPhone

Sapevi ad esempio che Apple non inserisce nell’App store software VoIP che permettono telefonate via internet su rete 3G? Io no, lo ignoravo.

E non è difficile immaginare il perchè visto che per il lancio dell’iPhone Apple ha stretto accordi con i principali operatori mobili dei vari paesi (è impossibile infatti acquistare un iPhone senza una SIM in abbinamento, oppure collegarsi via 3G con un normale piano dati senza stipulare quelli specifici).

La notizia dell’abbandono di Truphone delle funzionalità VoIP over 3G inquieta per tre motivi:

  1. A fare dietrofront è l’azienda che ad oggi forse aveva il miglior prodotto VoIP mobile destinato all’utenza consumer
  2. Altri potrebbero seguire presto
  3. ho sempre pensato che l’ostracismo dimostrato dalle imprese private contro le nuove tecnologie fosse destinato a perire sotto il peso dell’inevitabile progresso che avanza

Bene, questo episodio dimostra che non è necessariamente così, e  che anche il progresso e l’innovazione si possono fermare se lede interessi privati, anche se in effetti al pessimismo di Karl Good si contrappone lo staff di Skype che continua ad attendere la rimozione di questo vincolo da parte di Apple per rilasciare una versione di Skype per iPhone cone consenta il VoiP over 3G (la storia si fa confusa…)

Fortunatamente Karl Good ha dichiarato che il VoIP su 3G continuerà a rimanere presente sulle applicazioni storiche, come ad esempio la versione di Truphone per la serie Noka N.

Consumatori perspicaci o geek imbecilli?

Come consumatori dovremmo essere un pò più perspicaci la prossima volta che esce l’ennesima diavoleria che si controlla con la punta dell’orecchio  destro, oppure con mignolo sinistro mentre saltelliamo su una gamba sola, e chiederci qual’è il vero prezzo da pagare per il giocattolo a parte il costo (pur alto) in denaro per l’acquisto iniziale.

Dando molto potere a qualcuno senza lungimiranza poi saremo si dei fighi col giocattolino nuovo, ma dei fighi un po’ coglioni.

Fonte: Mobile VoIP: Truphone Drops Internet Calling Over 3G From Many Apps da VoIP Radar

912

VoIP Sul Centralino: Skype Open Beta Per Apparati SIP

La cosa potrebbe aiutare le piccole e medie imprese a tagliare i costi telefonici in quanto non si ha bisogno di ulteriori hardware o software per implementare il sistema telefonico VoIP della propria azienda usando le tariffe di Skype.

Sip-pbx

 

Questo permetterebbe di;

  • Ricevere ed effettuare telefonate Skype2Skype gratuitamente usando i telefoni aziendali
  • Chiamare fissi e cellulari esterni con le tariffe SkypeOut
  • Abilitare cellulari e dispositivi mobili e utilizzarli come  fissi sulla propria postazione di lavoro
  • Acquisire numeri telefonici distrettuali per uscire con chiamare locali anche all’estero
  • Utilizzare pulsanti web clicl-to-call per essere facilmente contattati da tutto il mondo

Tramite il Business Control Panel sarà possibile configurare e gestire online il sistema telefonico VoIP aziendale. Tutto quello di cui si deve disporre è un apparato PBX – un centralino appunto-  e banda sufficiente per gestire le chiamate in base agli interni da gestire.

Al momento sono tre le aziende che forniscono apparati certificati per Skype for SIP  e sono: Cisco, Sipfoundry e ShoreTel. Per maggiori info scariga la guida introduttiva in formato PDF.

Fonte: VoIP Radar

 

 

911

iPhone 3GS Contro Omnia 2 Di Samsung: Due Grandi Smartphones A Confronto

Sono stato a lungo indeciso tra l’acquisto di un iPhone 3GS e un Omnia II di Samsung ma il caso, o meglio babbo natale, ha voluto che li avessi entrambi a disposizione :)

iPhone e Omnia 2

E’ ormai quasi un mese che ne sto facendo un uso massiccio ed ecco un bel post che ne mette a confronto produttività ed esperienza utente (ascio alla fine del post qualche link per confrontarne gli aspetti tecnici).

In particolare ho voluto vedere quale, tra Omnia 2 e iPhone fosse più adatto per il mobile networking al fine di sostituire la mia postazione fissa per operazioni di routine  quali: newsmastering, controllo e risposte ai commenti, gestione utenti e post nel forum ecc.

Confronto generale

iPhone e Omnia 2

Lo schermo di Omnia 2 è leggermente più grande e molto più luminoso. L’iPhone è un pò più pesante. Nel primo le icone sono tutte sullo schermo, che puoi scorrere trascinandolo con il dito. Omnia invece monta Windows Mobile 6.5, ed ha un menu con applicazioni e widget trascinabili su ognuno dei tre desktop, che puoi quindi personalizzare per diverse esigenze. Ogni desktop è visualizzabile a scorrimento orizzontale.

Funzionamento del touch screen: differenti ma entrambi ottimi

Touch

Meglio l’iPhone, e c’era da aspettarselo. La risposta è immediata, i movimenti morbidi, supporta il multi-touch (si zooma con due dita) e ciò che accade operando sullo schermo è esattamente quello che il tuo cervello si aspetterebbe, per contro non supporta l’uso di pennini.

Per l’Omnia 2 c’è un notevolissimo miglioramento rispetto ai precedenti modelli Samsung anche se il paragone iPhone ancora non regge:  capita di notare ritardi nella rilevazione del tocco, gli scorrimenti non sono così fluidi come nell’altro ed a volte (specie sugli angoli) la sensibilità  viene meno. Non supporta il multitouch, il pennino si (è incluso nella confezione).

Il motivo di questa differenza comunque è addebitabile alla differente  tecnologia touch: quella capacitiva di Apple, nella quale il tocco viene rilevato dal flusso di elettroni causato dalla pelle, e quella resistiva, nella quale il tocco viene rilevato da due membrane che si toccano tra loro. Ottimo argomento che mi tengo per un altro post :)

Navigazione in mobilità: meglio l’iPhone

Safari su iPhone è veramente notevole: posso lavorare su MySyndicaat per le sessioni di newsmastering esattamente come se fossi sul mio PC, moderare commenti su Disqus ed altro. Unica pecca: una certa difficoltà con contenuti flash, che diventa pesante se devono gestire dati produttivi anzichè contenuti ludici (non posso visualizzare i grafici di Analytics ad esempio).

Con Omnia II ho provato due versioni di Opera Mobile (la 9.7 è già preinstallata) ed Explorer. Opera è molto simile a Safari per quanto riguarda  velocità e versatilità, ma a volte si pianta con interfacce Ajax pesanti (problematico moderare commenti via Disqus). Explorer mobile regge un pò meglio, ma ha difficoltà a gestire le autenticazioni delle pagine nei bookmarks (ogni volta che accedo mi chiede il login, un pò scomodo).  E non supporta la rotazione automatica del display.

Ho cercato Safari per Windows mobile ed ho scoperto che si chiama Iris Browser, ma purtroppo non è più disponibile per il download. Peccato.

In definitiva, se devo controllare qualcosa, mi viene istintivo prendere in mano l’iPhone (Daniela permettendo…).

Batteria e autonomia: Omnia II surclassa iPhone

Omnia 2 è dotato di batteria a 1550 mAh,  se non lo uso molto posso fare a meno di ricaricarlo per quasi 5 giorni. Con un uso importante di internet mobile e connettività in generale dura più di due giorni. L’ho tenuto sotto stress usando internet, wifi e HSDPA senza smettere ed è rimasto acceso per 8 ore di fila (in stand by arriva a 430 ore!!!).

L’iPhone da questo punto di vista è veramente scandaloso: una volta caricato ha una autonomia da mattina a sera, ma a patto di non usare molto le funzionalità di rete altrimenti c’è il rischio di doverlo caricare più di una volta al giorno. Considerando che la batteria non è sostituibile, questo handicap invalida decisamente quanto di migliore dimostrato rispetto ad Omnia II.

Widget e terze parti

E’ indubbiamente un punto di forza di iPhone: l’App Store di iPhone è uno dei  motivi principale del suo successo. Ma anche Samsung, sull’onda di Apple, ha lanciato un App Store per Omnia niente male: centinaia di Apps gratuite e non scaricabili direttamente sul cell.

Segnalo Viigo2, una ottima App per Omnia II/ Win Mobile che ti permette di selezionare e condividere le news più interessanti con i tuoi contatti social. Per questo punto assegnerei la parità, anche visto e considerato che l’app store di Samsung è neonato e promette veramente bene.

GPS

Entrambi i telefoni sono dotati di GPS e hanno Google Maps preinstallato, che sostituisce egregiamente un navigatore (per certi versi è addirittura migliore). iPhone riesce a collegarsi con i satelliti in brevissimo tempo, Omnia II ci mette un pò di più… ma rimane sempre un tempo accettabilissimo.

Tastierino virtuali

Il tastierino virtuale di Omnia II supporta  Swype, un nuovissimo sistema di scrittura che permette di scrivere parole senza dover staccare le dita dai tasti ma semplicemente trascinandole per raggiungere le lettere desiderate.  Purtroppo al momento è disponibile solo nei modelli commercializzati in USA da Verizon, ma non è escluso che presto possa essere dispoibile anche sui nostri modelli. Guarda tu stesso.

Già disponibile invece un sistema di riconoscimento della scrittura; puoi usare il pennino per scrivere ed Omnia individuerà automaticamente le lettere traducendole in ASCII.

Prezzo

Omnia II costa intorno ai 500 euro, mentre iPhone è legato ai prezzi imposti dagli operatori  Tim, Vodafone e Tre: varia dai 619 un iPhone da 16 Gb ai 719 per la versione da 32 Gb (escludendo il modello 3G, che costa meno).

Caratteristiche tecniche

Per i fissati dei numeri, ecco le caratteristiche più importanti prese da  Mowmotheme;

iPhone

  • Processore 600MHz ARM 11
  • Fotocamera 3 Megapixel con autofocus, modalità macro e bilanciamento automatico del bianco
  • Videocamera video VGA a 30fps con possibilità di editing da terminale
  • Connettività 7.2Mbps HSDPA, WiFi, Bluetooth 2.1 + EDR
  • Peso 135 grammi

Omnia II

  • Processore 800 MHz
  • Fotocamera 5 megapixel con doppio power flash led, autofocus, modalità macro e bilanciamento automatico del bianco
  • Videocamera 720 x 480 pixel a 30 fps
  • Connettività reti quadband GSM/GPRS/EDGE, UMTS 900/1900/2100MHz, HSDPA a 7.2 Mbps e HSUPA a 5.76 Mbps.
  • Peso 120 grammi
910

Twitter: Come Creare Sfondi Personalizzati Nel Tuo Profilo

Con Twitbacks.com è possibile. Non solo , ma anche semplicissimo.

Twitbacks

 

Devi aprire un account  su Twitbacks, successivamente sarai reindirizzato su un modulo dove vanno inserito alcuni dati quali;

  • indirizzi dei tuoi siti
  • nome
  • una breve biografia
  • i riferimenti dei tuoi social
  • ecc

Puoi anche aggiungere immagini da inserire nello sfondo: una apparirà in cima al profilo, in alto a sinistra, l’altra alla fine. E’ possibile anche inserire le proprie liste Twitter.

Una volta selezionati font e grandezza del carattere e scegliere uno dei template già pronti e divisi per categoria sulla destra ed il gioco è fatto.

Hai tre opzioni per impostare il tuo sfondo;

  1. Pubblicazione automatica  sfondo  nel tuo profilo (raccomandato)
  2. Rimozione del logo Twitbacks.com (pagando $4.99)
  3. Segnalazione del servizio presso i tuoi contatti

Divertiti e vesti a nuovo il tuo profilo con lo  sfondo personalizzato del profilo Twitter!

909

Mobile Marketing, I Codici QR Leggibili Col Telefonino: Come Leggerli E Crearli

I codici QR sono codici a barre bidimensionali creati nel 1994 dalla società giapponese Denso-Wave che se inquadrati dalla fotocamera di un cellulare rivelano informazioni di varia natura.

QR Code

QR è l’acronimo di Quick Response (significa risposta rapida), poichè può essere interpretato anche con una immagine di bassa qualità.

Dietro un QR code possono celarsi numeri, testi, valori binari, links e persino l’alfabeto kangi (i fan di Matrix apprezzeranno…).

In Brasile l’operatore mobile Claro è stata una tra le società pionieristiche nell’uso del QR Code in ambito di marketing. Attualmente la fidelity card Claro contiene un codice QR che rimanda alle ultime promozioni.

claro clube

Altra impresa che attualmente li utilizza è la C&A (una catena di grandi magazzini) con la campagna C&A Code, che già utilizza il Bluetooth marketing distinguendosi tra le imprese più attive in fatto di mobile marketing.

cea code

McDonald’s ne fa uso da tempo sugli imballaggi in Giappone. Sono molti i dati memorizzabili in un QR Code:

  • dati di contatto
  • link per accesso istantaneo a contenuti mobili
  • informazioni nutrizionali sugli imballaggi
  • promozioni speciali
  • altro…

Se vuoi scaricare un lettore QR per il tuo cellulare collegati a  i-nigma col tuo dispositivo mobile e verrà scaricata la versione appropriata in base al tuo modello. Puoi anche creare i tuoi QR codes sullo stesso sito per poi salvarli e pubblicarli nel tuo blog o dove ritieni più opportuno.

Un’altra dritta è utilizzare l’ API Chart di Google per generarli automaticamente nei tuoi post.

Alla prossima, pace nel cuore e luce nella ragione :)

908

Offerta iPhone di Tre: Acquisto e Abbonamento

Dopo aver riassunto le offerte iPhone di Vodafone e quella di TIM ecco i prezzi di Tre, sia per acquisto che abbonamento biennale.

iPhone TIM

Abbonamenti Tre biennali per iPhone con telefono incluso

  • Zero 6 Top
    • Chiamate: 400 minuti verso tutti gli operatori , chiamate gratuite verso un numero TIM preferito: 29€ al mese
    • Traffico dati incluso: 4Gb al mese

 

  • Una tantum per il telefono
    • 3GS da 32Gb: 299€
    • 3GS da 16Gb: 199€
    • 3G da 8GB: 99€

 

 

 

 

 

 

 

  • Zero 7 Top
    • Chiamate: 800minuti verso tutti gli operatori: 49€ al mese
    • Traffico dati incluso: 10Gb al mese

 

  • Una tantum per il telefono
    • 3GS da 32Gb: 249€
    • 3GS da 16Gb:149€
    • 3G da 8GB: 49€

 

 

 

 

 

 

 

  • Zero 8 Top 
    • Chiamate: 2000 minuti verso tutti gli operatori: 79€ al mese
    • Traffico dati incluso: 20Gb al mese

 

  • Una tantum per il telefono
    • 3GS da 32Gb: 199€
    • 3GS da 16Gb: 99€
    • 3G da 8GB: 0€

 

 

 

 

Acquisto iPhone con SIM ricaricabile 

 

  • Tre offre l’iPhone in vendita con una propria USIM che se attivata consente di usufruire dell’offerta Super Internet: 3Gb al mese per 5 euro mensili.iPhone 
    • iPhone 3GS 32GB: 699,00€

 

  • iPhone 3GS 16GB: 599,00€

 

  • iPhone 3G 8GB: 499,00 €

 

 

Considerazioni

Tre sulla carta ha indubbiamente l’offerta migliore: prezzi più bassi e traffico (dati e non) decisamente maggiori.

Bisogna però fare molta attenzione ad un punto: la copertura. Il traffico effettuato fuori copertura Tre infatti viene fatturato a 1 euro per Mb, e capita spesso di entrare in roaming anche in una grande città: basta entrare in un locale chiuso in una zona dove il segnale non è proprio al massimo.