433

Ripubblicazione Articoli; Danni o Vantaggi per la Fonte Originale?

Quanti utenti se lo chiedono? Anche tu te lo sarai chiesto: Devo essere felice o preoccupato se qualcuno ripubblica un mio articolo su un altro sito?. La questione è quantomai sensibile in una epoca di condivisione globale delle informazioni, di social networking e di nuove forme di copyright come le Creative Commons. Esistono addirittura siti costruiti con  l’apposito intento di offrire contenuti gratuiti.

Copia
Photo Credit: ariadna (MorgueFile.com)

Io sono assolutamente contro il diritto di autore inteso nella forma tradizionale e becera della nostra società, ma tentiamo di dare una piccola guida per tutti coloro che non sanno  quando preoccuparsi e quando essere felici vedendo i propri contenuti su altri siti. Partiamo con il raggruppare possibili vantaggi e svantaggi dando per scontato che la ripubblicazione avvenga con un link diretto alla fonte.

Vantaggi e svantaggi della ripubblicazione

Vantaggi

  • Aumento della propria autorevolezza
  • Maggiori visite per referrars esterni (provenienti dai link alla fonte)
  • Aumento della link popularity e quindi del ranking nei motori

Sull’aumento della propria autorevolezza c’è ben poco da dire, più persone leggono il tuo nome o il nome del tuo blog, maggiore sarà il livello di affidabilità che gioco forza verrà dato alle tue informazioni. Alla lunga questo meccanismo paga molto bene poichè genererà link spontanei in entrata (inbound links) che gioveranno al Trust-Rank (introdotto nell’aggiornamento Jagger) che Google assegnerà al tuo sito.

Ovviamente più link sono sparsi per la rete maggiore sarà la possibilità che qualcuno tramite essi raggiunga il tuo sito, inoltre aumenterà la link popularity che costituisce un parametro essenziale per essere ben piazzati sui motori di ricerca.

 Svantaggi

  • Possibili penalizzazioni dai motori per contenuto duplicato
  • Rischio di declassamento se l’articolo viene ripubblicato su fonte più autorevole

Che succede se lo stesso, ottimo articolo, apparisse contemporaneamente sul tuo blog e su un altro ben più autorevole del tuo? Semplice, nelle ricerche troveranno l’altro. Non il tuo. E se improvvisamente 50 blog ripubblicano il tuo articolo? Si potrebbero verificare penalizzazioni per contenuto duplicato.

Pertanto sarai arrivato alla mia stessa conclusione. Vantaggi e svantaggi della ripubblicazione dipendono da un fattore fondamentale: da quanto è autorevole la fonte rispetto ai siti che ne utilizzano i contenuti. L’obiettivo a monte pertanto deve essere lo stesso: aumentare la propria autorevolezza, e per arrivare a ciò si deve inevitabilmente passare in una sorta di limbo dei motori in cui si corre il rischio di essere superati anche da chi utilizza i nostri contenuti, ma è un male necessario, nonchè temporaneo.

Quando la ripubblicazione è totalmente dannosa o non etica

Esistono casi in cui sarebbe bene far sentire la propria voce. Questi i principali:

  • Quando non si cita la fonte
  • Quando non si linka alla fonte
  • Quando si linka alla fonte ma non direttamente (con un redirect)
  • Quando si tolgono tutti i link presenti nell’articolo originale

In casi come questi, il suggerimento è quello di scrivere una email al responsabile del sito in questione richiedendo la sistemazione dell’articolo o eventualmente la cancellazione. Tieni presente che nel 99% dei casi basterà una email tranquilla e cordiale anche perchè accade molto sovente che non ci sia dolo o malafede in casi come questi.

Controllare dove vengono ripubblicati gli articoli

E’ molto semplice. Se io volessi controllare chi ha ripubblicato questo articolo memorizzerei i risultati ottenuti di un motore di ricerca con la chiave "Se io volessi controllare chi ha ripubblicato questo articolo memorizzerei i risultati" (virgolette incluse). Semplice no?

Concludendo

Non esiste una formula magica, ma possiamo tranquillamente affermare che la ripubblicazione dei nostri contenuti è un danno se il nostro sito non è autorevole, un vantaggio se lo è. Ma è anche vero che se non ci diamo da fare per diffondere le nostre informazioni e correre quei rischi quando mai potremmo diventare autorevoli?

Pertanto in un primo momento ci si deve rassegnare ad essere penalizzati, sino al momento in cui i nostri contenuti e relativi link saranno sufficientemente numerosi da permettere quel "salto" di cui ci si renderà immediatamente conto dal numero degli accessi al nostro blog. E’ una dinamica fisiologica della condivisione della conoscenza e delle informazioni.

Consiglio pertanto di:

  1. Inserire uno o più link ad altri contenuti del tuo sito nel primo 25% del testo dell’articolo
  2. Specificare ben i termini della ripubblicazione, eventualmente usa le Creative Commons
  3. Chiarire sempre che è obbligatorio mantenere i links dell’articolo esattamente come da originale
  4. Richiedere chiaramente un link diretto (questo è importante) alla fonte originale

Fatto questo, spera che i tuoi contenuti vengano ripubblicati quanto più possibile e non potranno esserci che giovamenti.

431

VMware 6.0 Beta Disponibile per il Download

E’ il giorno dedicato a tutti coloro che testano sistemi operativi differenti su un solo PC: VMware Workstation 6.0 Beta è disponibile per il download, è Vista Compatible, il serial number per la sua attivazione è gratis.

VMWare 6 screenshot

Per ricevere il serial number occorre registrarsi inserendo un pò di informazioni ma, una volta fatto, avremo accesso alla pagina del download dove i sistemi operativi supportati sono Windows e Linux.

Le differenze tra la versione 5 e la versione 6 sono significative.

  • Supporto a Windows Vista – Windows Vista è supportato come sistema operativo host     * Multiple monitor display – VMWARE può essere utilizzato un pò come MaxiVista
  • Integrated Virtual Debugger – Integrazione con Visual Studio e Eclipse
  • Automation APIs (VIX API 2.0) 

Continua la lettura su ItaliaSW [...]

430

Tanti auguri a …

Eccoci all’ennesimo crocevia, il 2006 se ne va ed arriva un anno nuovo carico di speranze.

Albero di natale
Photo Credit: Dave Dyet

Per quello che mi riguarda è stato un anno di svolta, ho dato uno strappo drastico nella vita e nel lavoro.

Tanti auguri …

… a te e a chi vuoi bene.

… agli amanti del manganello.
A quelli di destra, a quelli di centro, a quelli di sinistra.
Vi auguro una parabola discendente penosa  e indegna, come voi.

… a tutti gli sviluppatori Open Source.
Cambiare il mondo può iniziare anche da qui.

… a Welby.
Finalmente è sfuggito ai suoi aguzzini.

… a quelli che "i pacs distruggono la famiglia".
Auguro loro di capire che non si difende la propria famiglia distruggendo quella degli altri.

… a tutti i pupazzetti della TV.
Che possano continuare a muoversi colorati e rumorosi sino a che non esploderanno tutti gli apparecchi TV in mille pezzettini.

… ai giornalisti

…  ad Osmanagic, a Sitchin, ad Alford ed a tanti altri
Perchè ci vuole coraggio.. molto coraggio.

… a chi ha capito che bisogna proteggersi da chi ci vuole proteggere.

… a quelli "che non si può ridere"
Vi auguro una vita senza risate, come quella che volete imporre agli altri

… a chi impicca  Babbo Natale sul balcone
Ma che diavolo vi ha fatto?

Tanti auguri a chi sta aspettando, perchè l’importante è crederci.
E’ veramente l’unica cosa importante.

 Tanti auguri

429

Blogging e Newsmastering, gli errori da evitare

La blogosfera è ormai entrata nell’immaginario collettivo, anche di chi non usa internet abitualmente. I blog acquistano sempre più spazio anche su giornali, radio e tv ma mantenere un blog mette a rischio a volte l’integrità psicofisica dei rispettivi autori. Aiutiamoli, aiutateci!

Blogger pazzo
Photo Credit: Bob Smith

Nel mio piccolo ecco una lista di errori che un blogger deve assolutamente evitare onde mantenere integra la sua salute mentale entro un margine accettabile (qualora sia possibile).

La sindrome di Fido

Iscritti a mille social media in tutte le lingue  ed a centinaia di feeds di notizie, sniffano continuamente il flusso di news per carpire quella notizia, quell’articolo che ancora nessuno ha diffuso in italia. Quando arriva, il battito cardiaco aumenta a dismisura e parte il countdown per il confezionamento e la pubblicazione: massimo 10 secondi, rischio che qualcun’altro sia più veloce.

Vantaggi: qualche probabile picco di visite
Pericoli: rincretinimento totale assicurato

Rapporto morboso-psicopatico con Google

Molto del successo dei blog è dovuto ai motori, ed a Google in particolare. Esistono 3 categorie di bloggers; coloro che adorano Google per i contatti che porta sul blog, altri che lo odiano perchè non riescono ad ottenere lo stesso risultato.

Poi una terza; sono i bloggers i cui siti salgono e scendono alternativamente nei risultati dei motori, e passano una settimana ad idolatrare il motore di ricerca e a decantarne il ruolo fondamentale nella evoluzione umana del terzo millennio, quella successiva (quando il blog cala) a tentare di convincere parenti e amici che Larry Page è un pericoloso assassino criminale che prima o poi lo ucciderà nel sonno perchè ce l’ha con lui.

Vantaggi; probabilmente nessuno
Svantaggi: se non si corre ai ripari si rischia di iniziare a sentire le voci di Brin e Page che ti insultano in romanesco

Effetto Tennis con biglietto in tribuna centrale

L’ultima moda è controbattere ad altri blogger postando sul proprio blog. Ovviamente quest’ultimo a sua volta ribatterà. Dove? Nel blog che contiene il post a cui replicare? Ovviamente no! Sull’altro.

Risultato per i lettori; un gran torcicollo. Appello: potete usare anche i commenti per controbattere?

Vantaggi: Effetto dei post molto…cooool per utenti fidelizzati
Svantaggi: Sgradevole effetto "editoriale alla Scalfari" verso lettori occasionali, che probabilmente si chiederanno perchè i blog sono così in voga.

Remix "anche io.."

Andiamo, quando si trova una notizia ghiotta e la si confeziona e posta con amore, la si guarda pubblicata, la si coccola sino a cadere casualmente in un blog che… l’aveva pubblicata 5 giorni prima!

Gli effetti sono gli stessi;

  • 5 secondi di stand by fissando il monitor mentre il cervello tenta di riorganizzare le fila
  • 4 secondi tentando di scorrere veloce l’elenco delle proprie fonti per valutare se ce ne siamo dimenticati qualcuna importante che viene utilizzata dalla concorrenza
  • 3 secondi per riprendere il respire e cliccare sull’icona "commenta ora" scrivendo "anche io ne ho parlato…" e riportando il link.

Vantaggi; nessuno
Svantaggi; dare la conferma ai lettori che sia meglio leggere il blog del concorrente piuttosto che il proprio

ed ora il mio errore preferito.

Trasmutazione mistica e camminamento sull’acqua

Questo è un errore non alla portata di tutti. E’ riservato ai guru, ai blogger top, ai leader dei new media. Solo loro possono, solo a loro è consentito. Superata una certa soglia di traffico e feedback, improvvisamente acquisiscono autocoscenza della loro natura semi-divina.

I post iniziano a divenire impersonali, iniziano a trattare argomenti alquanto ostici, sino ad arrivare al punto di far esclamare ai lettori che lo leggono "ma di che diavolo sta parlando??".

Non te lo domandare, i blogger in questa condizione non scrivono più post per essere letti, pensano semplicemente in caratteri ASCII.

Vantaggi: Un pezzo di pane ed una orata bastano anche per una cena di 30 persone. Tanto si possono moltiplicare.
Svantaggi: Scherziamo? Nessuno ovviamente

428

Web 2.0 i migliori CMS gratuiti per Social Networking

La prima regola di web marketing è dare un motivo agli utenti per collegarsi al sito almeno una volta al giorno. Questa caratteristica è fisiologica nei siti web 2.0, nei quali la maggior parte del traffico non è tanto determinata dai motori di ricerca quanto dagli utenti che vi si collegano direttamente e di continuo per verificare, controllare e apprendere.

Social Network
Photo Credit: Tory Byrne

L’offerta di Content Management System (piattaforme software opensource o comunque gratis) inizia ad essere decisamente interessante e permette a tutti di creare il proprio progetto web2.0. Il problema non è più l’implementazione del sistema, ma avere una idea valida.

Eccone alcuni molto interessanti;

Open Serving

Open Serving offre gratuitamente spazio, banda e software preinstallato per i propri progetti Wiki, siti collaborativi ove gli utenti stesso possono inserire articoli e notizie. Tutte le notizie sono sottoposte a voto e quelle più votate rimangono nella home page.

Tipologia CMS: Wikipedia
Software: Preinstallato e funzionante
Adatto per: Articoli e notizie generate dagli utenti
Home page: OpenServing.com

Pligg

Pligg è un progetto Sourgeforge ed è un CMS sviluppato con tecnologia php/MySQL/Ajax che crea un Social Media in tutto e per tutto simile al celeberrimo Digg.com.

A differenza di Open Serving non consente di lavorare sul contenuto in maniera collaborativa ma è ideato per segnalare risorse in rete e votarle con il medesimo criterio di Digg.

Tipologia CMS: Digg
Software: Archivio ZIP installabile manualmente
Adatto per: Segnalazioni di articoli, news e risorse esternet
Home page: Pligg.com

 Sabros.us

Permette di gestire online i propri bookmarks e di condividerli con altri utenti. Oltre a condividere i bookmarks con gli altri utenti, è possibile visualizzarli con la Tag Cloud in perfetto site del.icio.us. Il CMS è sviluppato con tecnologia php/MySQL.

Tipologia CMS: Delicious
Software: Archivio ZIP installabile manualmente
Adatto per: Gestione bookmarks on line e condivisione
Home page: Sabros.us

Phormer

Per organizzare e condividere fotografie online. Sviluppato con tecnologia Php/MySQL/Ajax ogni foto può essere condivisa o meno, commentata dagli utenti ed eventualmente riutiliizzata. Supporta le funzionalità di voto.

Tipologia CMS: Flick
Software: Archivio ZIP installabile manualmente
Adatto per: Album fotografico online condiviso
Home page: p.horm.org

427

Yugma Conferenze Via Web Gratis su Mac e PC

E’ disponibile in versione beta una nuova piattaforma di Web Conferencing e collaborazione online gratuita, compatibile sia su PC che su Mac e che non richiede alcun hardware aggiuntivo; Yugma.

Logo Jugma

Con Yugma è possibile tramite internet condividere files ed usare in condivisione i programmi del proprio computer con altre persone collegate da qualunque parte del mondo. E’ possibile sia utilizzare la versione gratuita che utilizzare l’upgrade a pagamento.

Conferenza online gratuita

La versione base del programma di collaborazione online permette di:

  1. Invitare in conferenza sino a 10 partecipanti contemporaneamente
  2. Condividere il desktop
  3. Condividere e scambiare opinioni ed annotazioni
  4. Lanciare qualsiasi applicazione in condivisione

E’ possibile pertanto organizzare conferenze a distanza per brainstorming, presentazioni, corsi ed addestramento.

Installazione Yugma

E’ incredibilmente semplice. Cliccando sull’apposito link "Download" si carica e si installa l’applicazione Java direttamente via web. Ho impiegato circa 4 minuti per essere operativo con una Adsl non eccessivamente veloce. Alla fine dell’installazione viene richiesto di accettare il certificato di sicurezza e viene proposto il login se si è già iscritti, oppure la form per l’iscrizione in caso di primo utilizzo.

Control panel web conferencing

Al termine della procedure si ha subito a dispozione il pannello di controllo che permette di;

  • Cambiare il moderatore della conferenza
  • Condividere il proprio desktop
  • Inserire annotazioni condivise

Ogni conferenza aperta è identificata da una sessione che permette ad altri utenti di parteciparvi.

La verisione Premium di Yugma

Questo notevole strumento di collaborazione online offre ulteriori funzionalità nella sua versione Premium, al prezzo di 9,95$

  • E’ possibile cedere il controllo del proprio desktop ad un altro partecipante
  • Si programmare i meeting online
  • Registrare le conferenze via web
  • Godere di 100 MB di spazio web condiviso per files e documenti

Ulteriori upgrade possono estendere il numero di partecipanti a 20 o 50 persone.

Opzioni Yugma premium

Che dire, di programmi per web conferencing e software di collaborazione online ce n’è in abbondanza, ma sono rimasto piacevolmente colpito dalla totale compatibilità multipiattaforma (PC e Mac, tra poco anche Linux), dalla totale mancanza di hardware necessario e dalla procedura di installazione estremamente semplice ed immediata. Sembra di non aver bisogno neanche del software.

Yugma Home page

426

Apri il tuo Wiki media gratis con OpenServing

OpenServing è il nuovo progetto di Wikia Inc, la compagnia fondata da Jimmy Wales di Wikipedia ed estende il modello Open Source non solo agli strumenti ma anche al Social Media e fa del network collaborativo il futuro dell’informazione. Con OpenServing;

  1. Puoi aprire il tuo media Wiki
  2. Software, spazio e banda ti verranno forniti del tutto gratuitamente
  3. Il tuo indirizzo sarà del tipo: tuonome.openserving.com
  4. Godrai di tutti gli introiti pubblicitari (AdSense)

Suona bene?

Openserving screenshot

Cosa è un Wiki e cosa consente di fare OpenServing

Wiki è un concetto divenuto molto popolare con l’avvento di Wikipedia, la famosa enciclopedia online creata e mantenuta dagli stessi utenti. e che ha dato origine ai siti User generated Content o di giornalismo partecipativo. Per media Wiki si intende una e-zine, una rivista elettronica o quant’altro in cui i contenuti vengono immessi e continuamente prefezionanti dagli utenti stessi. Facendo un paragone con servizi abbastanza conosciuti, con OpenServing;

  1. Gli utenti creano, perfezionano e mantengono contenuti come in Wikipedia
  2. Li votano per gradimento, come si fa in Digg
  3. Li commentano, come si fa nei vari forum ed in Ikaro
  4. Ogni commento viene a sua volta valutato e votato, come in OkNotizie
  5. Gli articoli più votati vengono mantenuti nella home page

Openserving è tutto questo contemporaneamente.

Come aprire il tuo Wiki

Per aprire uno spazio basta registrarsi compliando l’apposita form, ma cvome immaginerai le richieste sono moltissime ed i tempi di attesa per l’apertura effettiva dell’account dopo la richiesta è di alcune settimane.

Ti stai già leccando i baffi? Bè, a mio modo di vedere il punto forte del progetto costuisce nel contempo un punto critico; l’estrema semplicità nel mettere in opera dei media collaborativi determinerà nel prossimo futuro la nascita di milioni di media collaborativi causando una concorrenza spaventosa.

Come riuscire pertanto ad emergere? Semplice;

  1. Con una buona idea di base
  2. Creando argomenti ben delineati e di nicchia (community)
  3. Considerando gli altri non come competitor, ma come risorse collaborative (altrimenti verrebbe meno il concetto stesso di Wiki)

Se vuoi metterti in gioco, iscriviti qui.

425

2006 L’Anno Del VoIP, I Programmi Migliori

Se ogni anno vede l’esplosione di alcune tecnologie, il 2006 è stato l’anno del Voice Over IP (Voip). Programmi e strumenti per telefonare via internet sono diffusi ormai a livello di massa ed utilizzati per le più svariate necessita. Ecco i più noti ed i migliori;

Headset e telefono
Photo Credit: Jesse Miksic

1. Skype

Il numero uno dei programmi per telefonare con il PC. Il suo punto di forza è senz’altro l’affidabilità dovuta al fatto di essere stato il primo programma ad essere utilizzato per sostituirte il telefono.

Permette di;

  1. Chiamare altri PC gratis
  2. Telefonare verso numeri fissi e cellulari
  3. Ricevere telefonate sul PC con il servizio SkypeOut
  4. Utilizzare il VoIP anche sui cellulari grazie a terze parti come ISkoot oppure il cellulare NetGear SPH101 con Skype preinstallato.

Unico neo è il protocollo proprietario che non permette di utilizzarlo con i normali telefoni di casa.

Vantaggi: affidabilità e portabilità su terze parti
Svantaggi:
i costi di servizi concorrenti iniziano ad essere più appetibili

2. VoipStunt

Il primo, vero ed agguerritissimo concorrente di Skype. La novità introdotta da VoipStunt consiste nel chiamate gratuite verso numeri fissi di molti paesi (tra cui l’Italia) se si utilizzano i servizi a pagamento. Le tariffe sono inferiori a quelle di Skype ed il protocollo utilizzato è il SIP, che permette di utilizzare anche normali telefoni.

Vantaggi: Prezzi decisamente concorrenziali e chiamate gratuite entro 1 minuti anche senza usufruire di servizi a pagamento
Svantaggi:
L’ho provato chiamando verso cellulari, sarà stato un caso ma non sono riuscito a parlare.

3. Jajah

Nella battaglia delle chiamate via rete Jajah è stato il primo programma a permettere di utilizzare il proprio telefono fisso per telefonare via internet. Ci si iscrive al servizio specificando il proprio numero, si inserisce sul sito il numero da chiamare ed il proprio telefono di casa squilla. Basta prendere la cornetta ed attendere che l’altra persona risponda.

Si ricarica con carta di credito.

Vantaggi: Niente software da installare, e da poco l’Italia è entrata nella fascia delle chiamate gratuite tra utenti Jajah
Svantaggi:
Indispensabile un telefono, no chiamate PC2PC

4. Gizmo Project

E alla fine un altro agguerritissimo concorrente sferrò il suo attacco. Gizmo Project per aprire una breccia nel blindatissimo mercato del VoIP offre telefonate gratis verso numeri fissi e cellulari.

Per utilizzare l’offerta è sufficiente che sia il chiamante che il chiamato siano utenti Gizmo.

Vantaggi: chiamate gratuite tra numeri telefonici degli utenti registrati
Svantaggi:
Non mi entusiasma la qualità

Le soluzioni Voice Over IP in realtà sono molto più numerose ed articolate, ma ci siamo volutamente attenuti ai programmi più noti destinati ad una utenza end user.

10

Videogiochi Gratis Per Linux La Top 10

Molti se lo chiedono. Io me lo sono chiesto. Esistono videogiochi gratis per Linux? Ma sto parlando di videogiochi di livello, non i passatempi che si trovano in Gnome o KDE. Ebbene, la risposta è: si, esistono!

Navigando mi sono imbattuto in questo interessante articolo di Techgage che ha selezionato 10 videogiochi Top per Linux con le seguenti caratteristiche;

  1. Totalmente gratuiti
  2. Indipendenti da Wine
  3. Non necessariamente OpenSource
  4. Installazione non troppo complessa

10. KMahjongg

KMahjongg

Classico puzzle Cinese che viene fornito con il sistema KDE

9. Americas Army

American Army

Il motore del gioco è basato su Unreal 2.5 ed è un mix di strategia ed azione che lo ha fatto letteralmente esplodere. Supporta il gioco di rete.

8. Armageton Advanced

Armageton Advanced

Come vedi il gioco si ispira al grande classico Tron. Supporta differenti modalità di gioco ed ovviamente il gioco di rete, con molti server che permettono ai giocatori di sfidarsi tra loro.

7. Cube 2

Cube 2

Grande grafica, sonoro notevole per questo clone di Quake

6. Pingus

Pingus

Sei alla guida di un gruppo di pinguini con le idee non troppo decise. Aiutali ad arrivare alle uscite sani e salvi. Un incrocio tra un puzzle-game e l’arcinoto Lemmings.

5. Neverball

Neverball

Sembra un flipper ma non lo è. Devi muoverti tra i livelli collezionando le monete sparse qua e la e arrivare alle uscite.

4. Nexuiz

Nexuiz

E’ considerato uno dei migliori giochi in prima persona per Linux, e un motivo c’è. Il motore di DarkPlaces (Quake 1 modoficato) la grafica è letteralmente impressionante. Puoi giocare in Deatmatch oppure online con altri utenti.

3. Enemy Territory

Enemy territory

Enemy Territory è perfetto per il gioco online con altri utenti anche se è possibile giocare in Deathmatch. Il codice sorgente è stato rilasciato nel 2004 e le continue migliorie ne hanno fatto ciò che puoi vedere,

2. Frozen Bubble

Frozen bubble

Senza bisogno di presentazioni. Attacca tre palloncini dello stesso colore sparandoli col cannone e falli esplodere. Un puzzle game stile Jewels o Tetris.

1. Battle for Wesnoth

Wesnoth

Non molto noto, è un gioco di strategia disponibile anche per alte piataforme. Basato su alcuni classici Sega, il suo creaore ha tenuto fede al concetto "Fallo semplice". Niente alienazione dalla realtà quindi, ma solo un gioco di ruolo rilassante e piacevole.

422

Psiphon, Aggira La Censura Su Internet in 4 Steps

Psiphon è il primo strumento ideato, progettato e sviluppato appositamente per aggirare la censura su Internet nei paesi ove questa è in atto. Fa parte del  progetto CiviSec di CitizenLab, dell’università di Toronto (Canada) ed è stato lanciato l’1 Dicembre 2006.

 Psiphon logo

Il meccanismo usato da Psiphon è abbastanza semplice; alcuni server operanti in paesi liberi aventi accesso completo alla rete fungono da Proxy Server per i client presenti in paese ove viene operata la censura su internet. E’ bene chiarire che il sistema permette solo la navigazione web.

Il client che naviga non il browser direttamente, ma richiede via web le pagine della navigazione al server Psiphon dopo una autenticazione e tramite esso può accedere a siti e servizi che risultano censurati nel proprio paese. I server si chiamano Psiphonodes, i computer che tramite essi aggirano le censure si chiamano Psiphonites.

Esempio di come Psiphon aggira la censura su internet

Supponiamo che il computer Psiphonite nel paese che censura la rete voglia collegarsi a Wikipedia, per esempio, aggirando la censura vigente. Questo è quello che succede;

  1. L’utente si collega all’URL desiderato
  2. Il computer che è stato opportunamente configurato gira la richiesta allo Psiphonode fuori dal proprio paese
  3. Lo Psiphonode preleva i contenuti desiderati dal computer dell’utente
  4. Li invia allo stesso, che può tranquillamente visualizzare le informazioni censurate

Come si configura il computer per abilitare questa funzionalità

Come già accennato, per evitare la censura non c’è bisogno di installare nessun software, sono i server (psophonode) a doverlo fare. Questi sono i passi da seguire;

  1. Trova l’indirizzo di un server nell’apposito Forum
  2. Collegati con il tuo browser accettando il certificato di sicurezza
  3. Inserisci username e password
  4. Inizia a navigare

L’account da utilizzare per effettuare il login può essere richiesto tramite il forum agli utenti che hanno un nodo attivo.

Consiglio finale

Se pensi che quando parlo di paesi che censurano Internet mi riferisco solamente a Cina, Iran ecc ti sbagli. Mi riferisco anche all’Italia che seppur per motivi corporativi ed economici e non politici sta seguendo la stessa strada dei cosidetti "paesi canaglia"

Home Page di Psiphon: http://psiphon.civisec.org/